Bonus pubblicità: un’opportunità da sfruttare

Situazioni straordinarie richiedono provvedimenti straordinari. E vista la gravità della crisi che stiamo attraversando e che affronteremo nei prossimi mesi sono state varate alcune misure contenute nel decreto “Cura Italia” del 17 marzo 2020, precisamente all’articolo 98. In questo articolo c’è qualcosa che deve interessare tutte le aziende interessate al marketing e alla pubblicità online. E in questo momento in cui non possiamo uscire dalle nostre case, significa che interessa tutte le aziende, anche quelle che online non ci sono ancora.

 

COM’ERA PRIMA DEL DECRETO CURA ITALIA

Prima del decreto, lo stato rimborsava il 75% per le spese pubblicitarie, ma solo sull’investimento incrementale. Ovvero, il valore dell’investimento doveva superare di almeno l’1% l’investimento dell’anno precedente per campagne pubblicitarie online, su radio tv o giornali. In breve se, mettiamo nel 2018, la tua azienda ha speso 10.000 euro per campagne pubblicitarie, per usufruire del credito d’imposta nel 2019 avrebbe dovuto spenderne almeno 10.100, superando quindi dell’1% la cifra dell’anno precedente.

In seguito alla crisi scaturita dalla pandemia di Covid-19, lo stato italiano ha deciso di rivedere questa formula.

 

BONUS PUBBLICITÀ, COME CAMBIA NEL 2020

Per il bonus pubblicità il 2020 sarà un anno di regime straordinario: il credito d’imposta sarà calcolato nella misura unica del 30% del valore degli investimenti effettuati, in luogo del 75% dei soli investimenti incrementali previsto in via ordinaria.

Cosa significa? Significa un grosso vantaggio per tutti quelli che nel 2020 faranno pubblicità online.

Mentre prima il bonus era legato all’incremento dell’investimento, in seguito all’ultimo decreto il criterio di erogazione del bonus cambia drasticamente, e in meglio per tutti coloro che intendono fare pubblicità online.

Adesso alle aziende verrà rimborsato il 30% dell’investimento totale, senza più tenere conto dell’incrementale.

Questa è una bellissima notizia e soprattutto qualcosa da sfruttare. Vediamo a chi spetta per legge.

BONUS PUBBLICITÀ, A CHI SPETTA?

Possono usufruire del bonus le seguenti categorie:

Lavoratori autonomi, quindi anche i professionisti.

Imprese, di qualsiasi natura giuridica.

Enti non commerciali.

 

BONUS PUBBLICITÀ, SCADENZE

Non cambia soltanto il metodo di calcolo, ma anche i termini per l’invio della richiesta d’accesso al credito d’imposta. Sarebbe dovuta essere il 31 marzo 2020, ma con il Decreto Cura Italia lo stato ha posticipato i termini fino al 30 settembre 2020.

Entro questa data le aziende potranno inviare la domanda di prenotazione del credito, in base agli investimenti effettuati o che si intendono effettuare nel corso dell’anno.

 

PERCHÉ INVESTIRE IN PUBBLICITÀ ONLINE OGGI

Perché non esiste più una differenza tra online e offline, e il Corona Virus non ha fatto che renderlo chiaro a tutti. Siamo in Crisi, ma questa non è per forza una brutta parola. Spesso male interpretiamo il vero contenuto delle parole, ma sono le parole a disegnare il mondo che abbiamo attorno. Magari ci sono parole che pensiamo significhino qualcosa di brutto,  quando sotto sotto, se scaviamo nel loro significato, ci accorgiamo che così brutte non sono. Crisi è una di queste. Viene dal greco Krisis, e vuol dire “scelta, decisione”. Qualcosa che porta a un cambiamento. E se c’è una forza che ha permesso agli uomini di andare avanti anche nelle situazioni peggiori è propria questa: l’adattarsi ai cambiamenti.

 

Madness Experience propone consulenze e preventivi gratuiti a tutte quelle aziende che vogliono investire nel marketing online, e che oggi grazie a questo decreto hanno una ragione in più per farlo.

Campagne marketing, gestione social, videomaking, creazione di siti, e-commerce, brand identity.

Contattaci senza impegno, insieme possiamo prendere le giuste decisioni per uscire da questa crisi.

https://www.madnessexperience.it/
📲380 5959473
📧info@madnessexperience.it

Lascia un commento

Chiudi il menu